Atto di mutuo

L'atto di mutuo è il documento che formalizza la concessione del prestito ipotecario. La normativa giuridica italiana richiede che venga sottoscritto di fronte a un notaio sotto forma di atto pubblico.

L'atto di mutuo immobiliare viene redatto del notaio e attesta l'esistenza di un contratto di mutuo tra la banca e il proprietario dell'abitazione. L'atto viene anche detto "titolo esecutivo", dal momento che a seguito della stesura di questo documento, il contratto di mutuo diviene completamente operativo.

Con la sottoscrizione dell'atto pubblico il notaio procede all'iscrizione dell'ipoteca sull'immobile e si dà avvio all'esecuzione del contratto di finanziamento. La banca consegna il capitale all'acquirente e inizia a decorrere il periodo di rimborso del prestito. Il rimborso avverrà secondo i tempi e i termini stabiliti nel contratto di finanziamento, riepilogati nel piano di ammortamento allegato all'atto. Se la concessione del mutuo è contestuale alla compravendita dell'immobile, i due atti vengono erogati dal notaio in stretta successione. Spetta poi al notaio il compito di trascrivere l'atto presso i Registri Immobiliari. L'iscrizione opera a tutela delle parti contraenti, che hanno la garanzia della certezza e della pubblicità dell'eventuale passaggio di proprietà dell'abitazione e dell'iscrizione dell'ipoteca sull'unità immobiliare.