Mutuo SAL: Stato di avanzamento lavori

Quando si dice mutuo SAL il riferimento è alla formula di un mutuo le cui tranche sono concesse solo al momento della verifica dello stato di avanzamento dei lavori eseguiti. Non a caso il prestito viene fornito solo in caso di costruzione di un'immobile o di ristrutturazioni che richiedono interventi di un certo tipo e che comportano miglioramenti (qualitativi e di valore) sull'immobile che si intende ristrutturare. Tecnicamente il mutuo con formula SAL è simile al mutuo per l'acquisto di una casa: la banca sottoporrà al vaglio di alcuni esperti la situazione reddituale del richiedente e definirà il piano di ammortamento sulla base di fattori come l'ammontare della cifra, il merito creditizio, la presenza di una o più garanzie e la scelta di un piano di pre-ammortamento.

A differenziare il mutuo SAL dalle altre tipologie di prestito sono i tempi di erogazione delle somme e la necessaria presenza di un perito, a cui si aggiunge il piano di pre-ammortamento che potrebbe far lievitare i costi per l'accensione del prestito. Essendo un mutuo che tutela principalmente la banca, questa suddividerà in più parti l'ammontare della somma richiesta dal mutuatario rilasciandola solo qualora un perito accerti il valore acquisito dall'immobile durante i lavori. In caso di costruzione il nesso logico è semplice poiché l'esperto verificherà lo stato di costruzione, l'adeguamento alle normative, l'utilizzo dei materiali e così via. Nelle ristrutturazioni sarà possibile accertare, ad esempio, l'ampliamento della costruzione mediante sopraelevazioni o aumentando la planimetria esistente che accrescerà il valore economico della costruzione precedente. Il via libera del perito è la fase propedeutica alla concessione della prima tranche di mutuo, che avverrà proprio quando i lavori (di costruzione o di ristrutturazione) saranno già iniziati.

Il perito effettuerà tanti sopralluoghi a seconda degli accordi stabiliti fra banca e debitore, ma la particolarità del mutuo SAL è nel piano di pre-ammortamento, che consiste in un periodo non superiore ai 36 mesi in cui il mutuatario restituirà gli interessi relativi alla somma prestata. A scadenza del pre-ammortamento subentrerà il piano di rientro del capitale effettivamente erogato che comprenderà il valore delle tranche concesse dalla banca.